STAGIONE 2018-19
STAGIONI PASSATE:



ALTRI APPUNTAMENTI:
dal 20 ottobre al 4 novembre
MOSTRA_Chiara Lanzani PET PORTRAIT
chiara lanzani è nata a milano. la sua formazione è iniziata...
dal 10 al 25 novembre
MOSTRA_ Marco Gubellini
nasce nel 1976 a bergamo, italia. si diploma presso il liceo artistico statale...
dal 7 dicembre al 21 gennaio
Mostra BOZZETTI, CARTONI E SPOLVERI DELL ‘800_ Ricerca opere
dopo il grande successo delle due mostre dedicate ai pittori del ‘900...
 
STAGIONE 2017-18
Arteatro
 
EVENTO
MOSTRA ACCADEMIA BRERA
quando:  dal 26 maggio al 17 giugno
alle ore: ore 18.00
dove: galleria arteatro
APPUNTI

TERAPEUTICA   ARTISTICA

In – flore – scentia       2018

Opera condivisa

 

Prendersi cura di se stessi è la traduzione del termine “terapeutica”.                     Prendersi cura di se con l’arte è il progetto che il Biennio di  Teoria e Pratica della Terapeutica Artistica dell’Accademia di Belle Arti di Brera-MI, ha attuato dal 2004-05 nei laboratori condotti dalla Prof.ssa Tiziana Tacconi e dalla Prof.ssa Laura Tonani situati nelle diverse istituzioni socio-sanitari

“L’Arte è Terapeutica se viene condotta con metodo”-  sostiene  la prof.ssa Tiziana Tacconi- “Possiamo sostenere che la pratica  dell’arte è  terapeutica per tutti gli artisti dalla notte dei tempi’’

L’assunto di partenza è che l’Arte sia parte costitutiva dell’uomo e la “condivisione”  la possibilità di creare Opere.

Solo recuperando la dimensione del “ piacere” l’arte  può entrare in rapporto con i mali che affliggono  l’esistenza. Possiamo dare un ruolo terapeutico all’arte  rinunciando al narcisistico individualismo che ha reso l’arte chiusa in se stessa a favore della condivisione nel fare Arte.

L’uomo ha bisogno di un’arte da cui apprendere come deve vivere. Da qui parte l’esigenza di creare una funzione terapeutica di condivisione con l’arte .  La pratica è dunque un’interrogazione sul mondo, su noi stessi e sulla possibilità di  dar vita  ai nostri valori alle nostre espressioni e trasformazioni.

Il senso della vita consiste nella ricerca di se stessi, viviamo per scoprire chi siamo. Il Sé è la direzione della vita cosciente e ogni prova della vita è un atto trasformativo e attraverso  questa possibilità troviamo nell’arte la nostra forma”

 “L’opera  condivisa ”  è  la modalità di fare Arte Terapeutica che prevede l’attuazione di  laboratori artistici di espressione individuale e collettiva che coinvolge  tutti i componenti  alla realizzazione dell’opera.

È un’operazione che chiede  a chi opera nei contesti sociali non solo di  uscire dalle certezze culturali ma  anche di aprirsi al rischio e all’imprevisto, offrendo in prima persona una misura, un modo possibile.

Comunicare e  condividere  risorse e  potenzialità individuali, creare le condizioni perché i processi di partecipazione rendano praticabile un’esperienza comune  e un’opera condivisa, significa essere strumento e dare strumenti per costruire un progetto di possibile cambiamento al presente.

Questo percorso di conoscenza  trova nell’arte il suo campo elettivo e passa attraverso il riconoscimento  dell’artista terapista.                                                      L’artista terapista, infatti dialoga con l’altro grazie al linguaggio dell’arte, assumendo un ruolo maieutico, utilizzando le proprie qualità empatiche, modellandosi così nei vari contesti e con la capacità creativa .

Senza mai perdere di vista la qualità estetica del lavoro, gli artisti terapisti, nostri studenti si preparano, grazie al progetto formativo riccamente strutturato, ad affinare gli strumenti dell’arte e a porli come linguaggio sul piano relazionale, esercitando un ruolo maieutico nei confronti delle potenzialità espressive dell’altro, creando così l’apertura tra il mondo interiore e la realtà corale  dell’opera condivisa.

La nostra scommessa è quella di contribuire alla costruzione di un progetto d’integrazione tra due sguardi, quello psichico e quello artistico, aventi come finalità la comprensione dell’individuo colto nella sua dimensione antropologica esistenziale e di conseguenza una nuova, reale prospettiva dell’arte.

 

 

Opere presenti alla mostra:

_ Reparto di Oncologia  - presidio Ospedaliero di Saronno  (Oprea in locandina)

_Progetto BA.M.  con i richiedenti asilo  Associazione Casa e Colori Onlus – Bassano del Grappa

_ Alternanza Scuola Lavoro    - Liceo Artistico Hajech Milano

_ Centro d’Arte Cooperativa Fraternità e Amicizia – Milano

 

ALTRE INFORMAZIONI

INGRESSO LIBERO