STAGIONE 2018-19
STAGIONI PASSATE:



ALTRI APPUNTAMENTI:
16 settembre, ore 16.30
RITRATTO A 2_laboratorio di ritratto e acquerello
il laboratorio, condotto da serena marangon, partecipa a the big draw...
dal 15 al 18 settembre
MOSTRA_La Croce Rossa e la Grande Guerra
presso sala bottesini - fondazione san domenico
dal 22 settembre al 14 ottobre
MOSTRA_Giorgio Melzi
quando i pittori dicono ³prima² intendono di solito l'aggettivo:...
 
STAGIONE 2018-19
Arteatro
 
EVENTO
MOSTRA_Giorgio Melzi
quando:  dal 22 settembre al 14 ottobre
alle ore: ore 17.00
dove: galleria arteatro
APPUNTI

Quando i pittori dicono ³prima² intendono di solito l'aggettivo: la prima opera su tela; la prima galleria; quella personale antologica tutta per loro; la prima volta a Parigi.
Giorgio Melzi intende l'avverbio: prima che Maestro, prima che pittore, prima che allievo. Uomo.

Uomo di Milano. Nato a due passi da un colorificio e per natura destinato ad assorbire colore. Cresciuto nella Brera dell'Accademia delle Belle Arti, come studente, e del bar Giamaica e di Tittailtabaccaio (tutt'attaccato), come sodale a condividere un bianchino e la previsioni del tempo e della vita con Bruno Cassinari, Roberto Crippa, Franco Rognoni, Piero Manzoni, Kodra, Remo Brindisi, Ernesto Treccani. Uomo di Milano, affermatosi nelle gallerie della città come esponente di spicco della sua generazione negli ultimi anni sessanta.

Ma uomo anche di Parigi, dove si trasferisce per un lungo periodo di ricerca, e d'Africa, immerso nella nobile cviltà Masai. Delle isole del Mediterraneo, delle coste liguri a strapiombo sul mare, così immense che una regione sola non le tiene e sconfinano in Toscana. Di Pechino e della Germania. Di ovunque sia stato esposto, collezionato, amato. Di qualunque settore limitrofo al suo genio ch'abbia voluto e saputo esplorare: uomo visionario delle scenografie teatrali e televisive; delle creazioni dedicate al mondo della comunicazione; dell'arte a passeggio coi media. Uomo.

Profondo e sempre all'erta, attento alle dinamiche sociali e alle pulsioni dell'anima, che non teme di spaziare e divagare perché tanto non è questo che ³mortifica l'arte e lo stile, ammesso che esista. Perché tanto - mi disse in un'intervista - l'arte t'incontra sempre e s'installa perpetuamente nel tuo pensiero, come le parole, la televisione, il caffè o i sentimenti. Se credi di poterne fare a meno, ti sbagli. Immagina la tua vita senza aver visto un quadro di Picasso, una statua di Michelangelo, un film di Greenaway o una tela di Kodra, Schifano o di un Melzi, perché no. In fondo in 40 anni di lavoro qualcosa di mio s'è sparso per il mondo... Volente o nolente,questa gente ti ha cambiato la vita, comunque tu la pensi, perché ti piacciano o non ti piacciano, che li adori o ti disgustino, tu in ogni caso non sarai mai lo stesso².

Magari sarò, prima di tutto, uomo.

 

ALTRE INFORMAZIONI

INGRESSO LIBERO