Musical

Con Roberto Ciufoli e con Carolina Ciampoli, Gabriele de Guglielmo, Giancarlo Teodori

La favola è ambientata in un piccolo paesino inglese la vigilia di Natale. Scrooge, come ogni anno, pensa solo al suo denaro, non si accorge dei suoi parenti – che non vede più da molto tempo – del suo ex socio Marley – morto da sette anni – né delle persone che, purtroppo, stanno peggio di lui. 

Il personaggio di Ebenezer Scrooge, al di là del semplice racconto e del significato intrinseco della novella dickensiana, potrebbe essere facilmente ricondotto ad una certa tendenza del mondo di oggi: quella dell’indifferenza, dell’intolleranza, dell’essere asociali, pur nell’epoca dei social. Tra un’umanità che va sempre più in fretta, oggi si tende spesso a rinchiudersi nel proprio guscio, nel proprio mondo, con il proprio cellulare e i propri auricolari, per isolarsi da tutto e da tutti. Ecco dunque che il monito del defunto amico Marley, che appare a Scrooge nelle vesti di uno spettro proprio per suggerirgli un cambiamento nella sua vita e nel suo carattere, dovrebbe essere un’esortazione per tutti noi, verso un atteggiamento che guardi maggiormente agli altri. E tutto questo è poi accompagnato dalle meravigliose musiche di Alan Menken, per la prima volta presentate in Italia, allora un messaggio così forte non può che divenire vincente e positivo per farci riflettere, sia pure all’interno di una cornice divertente e di intrattenimento, su quanto una maggiore disponibilità verso il prossimo potrebbe cambiare e migliorare le nostre vite.

Articolo precedenteDonne in pericolo – 1 dicembre 2024 ore 18,00
Articolo successivoTodo modo – 10 gennaio 2025 ore 21,00